Scilla, la piccola Venezia del sud...

Umberto e Marilisa

Finalmente è arrivata l’estate, e noi calabresi siamo molto fortunati in quanto abbiamo a pochi passi sia il mare sia le montagne. Oggi vi vogliamo parlare di una piccola realtà della nostra regione: Scilla.

Si tratta di un comune della provincia di Reggio Calabria, situato su un promontorio e il suo quartiere Chianalea è considerato uno dei borghi più belli d’ Italia. E’ una famosa località turistica, conosciuta per il suo bellissimo mare, limpido e cristallino. Per i suoi vicoli del quartiere di Chianalea, da dove è possibile ammirare scorci di mare tra le casette antiche presenti nel corso. Poiché le case sono poggiate completamente sull’acqua la zona di Chianalea è conosciuta anche come “La piccola Venezia”. 

Chianalea di Scilla
Chianalea vista dal porto di Scilla

Il Castello.

Dal promontorio roccioso che divide Maria Grande da Chianalea, si trova il centro di Scilla, dove l’attrazione principale è il castello, conosciuto come Castello Ruffo di Scilla. Il castello ospita inoltre uno dei fari della Marina Militare. Dal Castello è possibile godere di un meraviglioso panorama che comprende le isole Eolie e la costa siciliana.

Castello e lungomare di Scilla
Castello e lungomare di Scilla

Sono molte le attività presenti sul posto, a Chianalea molti ristoranti hanno delle terrazze sul mare dove è possibile pranzare o cenare con un panorama mozzafiato.  Anche il lungomare è pieno di chioschi e di lidi con vista castello dove è possibile gustare le prelibatezze del posto, tra cui il famoso panino con pesce spada. Sì, una delle specialità di Scilla è proprio questo panino, noi lo abbiamo provato ovviamente e siamo rimasti veramente colpiti, è una delizia, il pesce spada sembra sciogliersi in bocca. Se passate da Scilla non potete non provarlo.

Case sul mare alla Chianalea
Case sul mare alla Chianalea

La leggenda narra…

La città è conosciuta anche per la leggenda secondo la quale in origine Scilla era una bellissima ninfa, figlia di Forco (divinità marina) e di Ecate (Dea della psiche). La bellezza della ninfa era pari alla sua vanità, tanto da respingere suoi corteggiatori. Uno di questi era Glauco, una divinità marina che, innamorato di Scilla, si rivolse alla maga Circe per un suo aiuto. La maga Circe, innamorata di Glauco riversò tutta la sua gelosia e tutta la rabbia contro Scilla, trasformandola in un un mostro a 6 teste, 12 zampe e 3 fila di denti aguzzi. Disperata, Scilla decise di nascondersi sotto le acque del mare, scaricando tutta la sua rabbia nei confronti dei marinai che vi si avvicinavano. Scilla venne poi trasformata in una roccia….

Chianalea
Chianalea

Come si arriva a Scilla?

Arrivare a Scilla è molto semplice. Se si arriva in auto dall’autostrada bisogna prendere l’uscita di Scilla e seguire le indicazioni per il lungomare se si vuole andare alla marina o per il centro se si vuole andare verso il centro del paese.  L’unico problema se si arriva con l’auto può essere il parcheggio, perchè sono pochi rispetto alla richiesta. Noi l’abbiamo trovato sul lungomare, a pagamento dalle 8:00 alle 24:00 è costa 1,00 € ad ora oppure 6,00 € l’intera giornata. Se invece si arriva in treno  la stazione si trova proprio a due passi dal lungomare di Maria Grande. Se si arriva con l’aereo, sia dall’aeroporto di Reggio Calabria che dall’aeroporto di Lamezia Terme, si può utilizzare il treno.  Infatti le rispettive stazioni si trovano a 5 minuti e sono presenti le navette che le collegano.

La spiaggia.

La spiaggia è molto grande e si divide tra spiaggia libera e strutture balneari ben attrezzate e con prezzi contenuti.

Spiaggia di Scilla
Spiaggia di Scilla

Voi ci chiederete se vale la pena visitare Scilla? Noi vi rispondiamo: assolutamente si!

Lascia un commento